01/03/2008 – Lo statuto del PD, in pillole

Lo Statuto rappresenta l’atto fondativo di qualsiasi soggetto, ente o, come in questo caso, partito e contiene i principi che ispirano l’essere e l’agire del soggetto che si dota di detta carta. Una sorta di “carta costituzionale” che contiene il DNA di quel soggetto.Nello statuto del PD si legge che il Partito Democratico è un un partito federale, costituito da elettori e iscritti, che garantisce la presenza paritaria di donne e di uomini nei suoi organi dirigenti ed esecutivi. Il PD rispetta il pluralismo delle posizioni culturali e assume la “differenza” (di genere, d’età, di convinzione religiosa, etnica etc.) come un valore e fa della partecipazione lo strumento principe di democrazia interna (art. 1).L’iscrizione al partito (Anagrafe degli iscritti) così come la registrazione nell’Albo degli elettori sono perfezionabili a partire dal sedicesimo anno di età (art. 2).

I principali organi dirigenti ed esecutivi sono: il Segretario o Segretaria nazionale, l’Assemblea nazionale che ha competenza in materia di indirizzo della politica nazionale del partito e il Coordinamento nazionale ovvero l’organo di esecuzione degli indirizzi dell’Assemblea (artt. 3-11). Il Partito è dotato, inoltre, di una struttura federale a livello regionale la cui autonomia viene garantita attraverso l’autonomia statutaria (artt. 11-17).

I Circoli costituiscono le unità organizzative di base: si distinguono in territoriali, di ambiente (legati a luogo di lavoro o di studio) e Circoli on-line. É in questi ambiti che prioritariamente si esprime la partecipazione di elettori e iscritti (art. 14).

Strumento principe della partecipazione è l’istituto delle c.d. “primarie”: ovvero la procedura di elezione per scegliere i candidati a cariche istituzionali elettive. Possono partecipare a dette lezioni gli iscritti agli albi sopra ricordati che abbiano almeno 16 anni (artt.18-20). Altri strumenti di partecipazione sono i “Forum tematici” (art. 24), la “Conferenza permanente delle donne democratiche” (art. 25), il “Referendum” consultivo o deliberativo (art. 28), la “Organizzazione giovanile” dotata di un proprio statuto e di propri organismi dirigenti (art. 31).

Accanto alle disposizioni sopra richiamate ve ne sono altre di estrema importanza che vi invitiamo a leggere scaricando il pdf dello Statuto direttamente dal sito del PD nazionale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...