18/05/2008 – L’Acqua è un diritto non una merce

L’ACQUA E’ UN DIRITTO NON UNA MERCE!

Benvenuti alla Prima Festa Democratica dei circoli P.D. di Calusco d’Adda e Carvico-Villa d’Adda-Sotto il Monte!

Come (forse) avrete notato, è a vostra disposizione, completamente gratuita, della buona acqua proveniente dall’acquedotto pubblico, se volete anche fresca o “con bollicine”!

Nel ringraziare Hidrogest per aver messo a disposizione l’apparecchiatura per la distribuzione, vogliamo brevemente spiegarvene le motivazioni.

Abbiamo scelto come tema della festa la difesa del diritto all’acqua come bene primario che deve rimanere pubblico.

E questo perchè un semplice principio di democrazia è oggi messo in discussione sia a livello nazionale che regionale, ed un vasto movimento di Comuni, Associazioni, Cittadini si sta mobilitando per difenderlo.

Anche in Lombardia nel febbraio 2008 è stata dichiarata l’ammissibilità di un Referendum. Proposto da ben 143 comuni lombardi e sostenuto dal Contratto Mondiale sull’Acqua, da vari Comitati lombardi e dal Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua, ha come scopo l’abrogazione della legge regionale n. 18 del 2006 che obbliga alla privatizzazione dei servizi idrici. La Giunta Regionale sta cercando di evitarlo, cambiando solo alcuni punti della attuale legge regionale, senza accogliere le proposte referendarie.

La richiesta di molti sindaci lombardi e dei Comitati e’ di cambiare la legge regionale, affinché la proprietà, la gestione e l’erogazione dei servizi idrici restino in mani totalmente pubbliche.

L’acqua deve essere considerata bene comune e diritto umano universale e la sua gestione deve essere sottratta alle logiche del mercato e della concorrenza per restituirla alla gestione pubblica e partecipata dalle comunità locali.

I nostri Circoli sono impegnati a seguire l’evolversi della vicenda e intendono sostenere la difesa dell’acqua pubblica.

In questa visione si inserisce la nostra volontà di sensibilizzare i consumatori sull’opportunità di preferire il consumo di acqua dell’acquedotto a quello delle acque minerali in commercio, e questo perchè:

  • Innanzitutto è buona, controllata, comoda (arriva in casa) e poco costosa;
  • In secondo luogo, si evita l’inquinamento e lo spreco di energia necessari al trasporto sino ai supermercati e quindi alle nostre case;
  • Si ridurrebbe notevolmente la produzione di rifiuti in bottiglie di plastica.
Noi Italiani, nonostante la disponibilità quasi ovunque di buona acqua degli acquedotti, siamo i primi consumatori al mondo di acque minerali. Ogni anno ne beviamo quasi 190 litri a testa, in media. E fuori casa, nei locali pubblici, quasi esclusivamente acqua in bottiglia. I consumi di acqua minerale crescono di pari passo con l’aumento degli investimenti pubblicitari, spesso fuorvianti.
Occorre rilanciare una campagna educativa e rivalorizzare l’uso dell’acqua del rubinetto nei luoghi pubblici, nelle scuole, ecc.
L’acqua è vita, come la vita è un bene sacro, non una merce. I servizi idrici fanno parte della “cosa pubblica”, non del mercato.
Tutto ciò si inserisce nell’impegno più ampio di garantire il diritto umano all’acqua per tutti gli abitanti della terra e per salvaguardare le risorse idriche del pianeta dall’attuale predazione e devastazione, perchè l’acqua e’ un bene comune, patrimonio inalienabile dell’umanità e fonte essenziale di vita per tutte le specie viventi.

Per il diritto all’acqua per tutti

Per una gestione pubblica e partecipata

Annunci

Una risposta a “18/05/2008 – L’Acqua è un diritto non una merce

  1. ah, il dragoverde, come la chiamano a Milano!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...